Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
salute
People
Curare gambe e piedi con rimedi naturali
Inviato da Silviab il 28-06-2017 09:56
Oe_cannella_2_web_32441ce5

Non ci sono collant o stivali all’ultima moda che tengano, quando arriva il caldo le gambe e i piedi sono tra le prime zone del nostro corpo che tendiamo a scoprire. Un po’ per alleviare i fastidi che l’aumento della temperatura porta con sé, un po’ per vanità: shorts, gonne e sandali impongono gambe e piedi sani, in perfetta forma. Con il caldo, l’eccessiva traspirazione è una delle prime conseguenze che scontiamo sulla nostra pelle, insieme ad arrossamenti e gonfiori provocati dalla cattiva circolazione e concentrati agli arti inferiori, non solo alle gambe, ma anche ai piedi e alle caviglie.

Di seguito, i rimedi per sgonfiare e assottigliare la circonferenza delle cosce, appesantite da cellulite e adiposità localizzate, e per ottenere caviglie tornite e piedi al top. E ancora, per esibire gambe lisce, perfettamente depilate, pronte per l’esposizione al sole in tutta sicurezza, grazie alle ricette, al cento per cento naturali, pre e post abbronzatura.

Cataplasma anti-adiposità alla verbena

Antinfiammatoria e depurativa, la verbenaha effetto diuretico e drenante, quindi utile per combattere la ritenzione idrica e la cellulite. Una curiosità: in passato le venivano attribuite virtù magiche, si pensava che potesse curare tutti i mali e nella notte di San Giovanni veniva raccolta per trarne auspici d’amore.

Ingredienti: 1/2 litro d’aceto, 50 g di foglie di verbena

Preparazione e modo d’uso: bollire per 20 minuti in 1/2 litro d’aceto 50 g di foglie di verbena. Filtrare spremendo bene e applicare il composto ottenuto, ben caldo, direttamente sulle cosce, comprimendolo tra due panni di garza o cotone.

Pediluvio riducente all’acetosa

Tra le proprietà principali dell’acetosa, una pianta perenne dalle foglie ricche di vitamina C e sali minerali, ci sono quella depurativa e diuretica. L’infuso di acetosa aggiunto al pediluvio esplica un’azione disintossicante e drenante, indicata per eliminare le tossine e ritrovare la forma perduta di gambe e caviglie gonfie e pesanti.

Ingredienti: 2 litri d’acqua, 50 g di acetosa

Preparazione e modo d’uso: far bollire 50 g di acetosa per 10 minuti in 2 litri d’acqua. Filtrare e aggiungere all’acqua del pediluvio per donare un fresco sollievo a gambe pesanti e caviglie gonfie.

Massaggi anticellulite alla cannella

L’olio essenziale di cannella è utile per la microcircolazione, perché protegge i vasi sanguigni ed è un valido antiossidante. Impiegato per massaggiare cosce e glutei favorisce il drenaggio e la distensione muscolare, rivelandosi così un alleato prezioso contro la cellulite.

Ingredienti: 2 gocce di olio essenziale di cannella, 1 cucchiaio di olio di mandorle dolci

Preparazione e modo d’uso: mescolare gli ingredienti e applicare sulle gambe massaggiando, partendo dalle caviglie e risalendo dal basso verso l’alto, facendo assorbire con movimenti circolari.

Impacco antisudore per i piedi

Alcune piante, come il noce e il lichene islandico, hanno proprietà antisudore in grado di contrastare la sgradevole sensazione causata dalla sudorazione eccessiva, in estate esasperata dalle alte temperature. L’impacco proposto utilizza le foglie di noce (da raccogliere in questo periodo e far essiccare in un luogo semiombroso) capaci di tonificare e ammorbidire la pelle, e il tallo di lichene islandico, dall’azione antisettica e battericida.

Ingredienti: 70 g di foglie di noce, 30 g di tallo di lichene islandico, 1 litro d’acqua

Preparazione e modo d’uso: portare a ebollizione quattro cucchiai di miscela di erbe in un litro d’acqua per 15 minuti. Filtrare e utilizzare il decotto per effettuare delle spugnature ai piedi. È efficace anche aggiunto all’acqua del pediluvio.

Peeling esfoliante pre-abbronzatura

Per un’abbronzatura uniforme e duratura è consigliabile preparare la pelle prima di esporla al sole. L’azione esfoliante del peeling consente di eliminare le impurità e le cellule morte che ne ricoprono lo strato più superficiale, favorendo al contempo il rinnovamento dell’epidermide. La ricetta di seguito proposta sfrutta le proprietà emollienti e idratanti delle mandorle, in grado di rendere la pelle elastica e di stimolare la rigenerazione dei tessuti.

Ingredienti: qualche cucchiaio di mandorle, 1 cucchiaio di acqua distillata di fiori d’arancio, 1 cucchiaio di olio di mandorle

Preparazione e modo d’uso: frullare qualche cucchiaio di mandorle, sgusciate ma non sbucciate, quindi aggiungere l’acqua di fiori d’arancio e l’olio di mandorle. Applicare, massaggiando, su tutto il corpo, insistendo su gambe e ginocchia. Lasciare in posa quindici minuti in modo da lasciare alla pelle il tempo di assorbire tutti i principi attivi, infine sciaquare.

Impacco lenitivo doposole

Per donare invece sollievo alla gambe dopo l’esposizione al sole, è ideale l’infuso di radice di liquirizia, dalle virtù antinfiammatorie, cicatrizzanti, emollienti e rinfrescanti.

Ingredienti: 5 cucchiai di radice decorticata di liquirizia,  1 litro d’acqua

Preparazione e modo d’uso: versare l’acqua bollente sulla radice di liquirizia, lasciare riposare quindici minuti e filtrare. Lasciare raffreddare l’infuso e utilizzarlo per effettuare degli impacchi sulle gambe accaldate e arrossate dopo l’esposizione al sole.

 

(A cura di Michela Ferro - Pubblicato su Giardinaggio 7-8/2010)

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA