Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
il fiore
People
Piante erbacee: Impatiens
Inviato da Silviab il 11-05-2017 13:19
Impatiens-1_web_12bc08c4

Conosciamo meglio l'Impatiens, detta anche "canna di vetro" o "fiore di vetro".

Impatiens è una pianta erbacea che da maggio a ottobre si copre di fiori piatti larghi 2-3 cm, composti di cinque petali nelle varie tonalità rosse e bianche. Deve questo nome al curioso comportamento dei suoi piccoli frutti: quando sono perfettamente maturi è sufficiente toccarli perché si aprano di scatto, lanciando lontano i semi che contengono, come se fossero impazienti di diffondersi nell’ambiente circostante.

Ha fusti succulenti, quasi trasparenti, che si spezzano facilmente se non sono maneggiati con cura, tanto che i nomi popolari di questa pianta sono “Canna di vetro” o “Fiore di vetro”. Come contropartita, i fusti spezzati posti in un bicchiere pieno d’acqua si trasformano in breve tempo in nuove piantine.

Questo del resto è quanto avviene anche quando si moltiplica l’Impatiens per mezzo di talee. In maggio-giugno, dai germogli più robusti si tagliano con un coltellino affilato getti apicali lunghi 7-8 cm da far radicare in acqua o in vasetti riempiti con un miscuglio di terra, torba e sabbia da tenere sempre umidi.

La radicazione in acqua è quella più semplice e richiede pochissime attenzioni. Dopo aver staccato tutte le foglie, a eccezione di quelle apicali, le talee si immergono in un recipiente di vetro trasparente e, se la temperatura esterna supera 18°C, le radici si formeranno nel giro di dieci giorni. Quando le radici sono sufficientemente sviluppate si piantano le talee in vasetti riempiti con terriccio mantenuto sempre fresco per trapiantarle infine in piena terra.

Per favorire l’accestimento delle giovani piante, è necessario cimarle ripetutamente. La semina si effettua in semenzaio riparato da febbraio a marzo, per ottenere fioriture a partire da aprile-maggio, e direttamente a dimora in aprile a maggio, per fioriture più tardive. Il semenzaio può consistere semplicemente in vasetti riempiti con una miscela inumidita di torba e sabbia, sistemati in un luogo riscaldato. I semi quando le piantine saranno cresciute abbastanza potranno essere trapiantate nei singoli vasi e abituate gradualmente alla temperatura esterna, dapprima aprendo le serre, poi trasferendole all’aperto ma in posizione protetta per qualche giorno prima di trapiantarle a dimora.

Il terreno che ospiterà l’aiuola di Impatiens deve essere mescolato con terriccio di foglie, sabbia di fiume e letame ben maturo.

Le posizioni ideali, sono quelle raggiunte da una luce solare filtrata da chiome leggere ma, come poche altre annuali, crescono bene anche in penombra o in ombra completa, purché sufficientemente luminosa. Come la maggior parte delle piante che vegetano in ambienti ombrosi, le Impatiens temono la siccità, perciò le irrigazioni devono essere frequenti.

 

(A cura di Anna Rosa Cafagna - Pubblicato su Giardinaggio 5/2010)