Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
appuntamenti
Gi
Euroflora 2011: la natura come ragione profonda di una pacifica convivenza fra gli uomini
Inviato da Redazione GI il 01-02-2011 18:13
Schermata_2011-02-10_a_16.11.43

 

Sono i primi giorni di febbraio, quasi gli ultimi d’inverno, abbiamo le mani piene di terra per le prime semine e i rinvasi e gli occhi stupiti per i colori novizi dei fiori precoci, ma i pensieri sono tutti per la primavera dietro l’angolo, quando un evento unico saprà annunciare meglio di chiunque altro il boato armonioso dei fiori: stiamo parlando, come i più avranno inteso, di Euroflora, l’appuntamento più atteso dagli appassionati del verde.

Di cadenza quinquennale, l'importante fiera si terrà quest’anno da giovedì 21 aprile a domenica 1 maggio, come sempre a Genova. Si tratta della decima edizione di una florelie nata nel lontano 1966 grazie alla felice intuizione di Carlo Pastorino, all’epoca presidente della Fiera di Genova.

L’edizione di quell’anno fece presagire, con i suoi 250 mila visitatori, il percorso in ascesa che avrebbe caratterizzato il futuro della manifestazione: le prime nove edizione hanno visto la partecipazione di 5.720 espositori e 4.745.000 visitatori da tutto il mondo. La fiera è un vanto tutto italiano, la più grande e rinomata in Europa, dal 2006 membro di AIF – Association of International Floralies.

Particolare si preannuncia l’edizione di quest’anno, che si pone come “un invito a riscoprire le ragioni profonde di una pacifica convivenza tra gli uomini” nel legame profondo che li unisce alla natura, che è universale. Momento di confronto e occasione di dialogo per unire tutti gli uomini nella condivisione del rispettoso stupore di fronte alla bellezza dei fiori.

Ci sembra un caso propiziatorio che il logo della manifestazione, frutto della creatività di Emanuela Tenti, due astratte corolle contrapposte, faccia pensare proprio a una figura umana dove la braccia e le gambe coincidono e non si sommano semplicemente con il profilo di un fiore.

M.Pagani

 

 

 

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA