Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Camelia: tra fine inverno e inizio primavera il rinvaso, alcuni consigli...
Inviato da Redazione GI il 01-02-2011 15:42
Schermata_2011-02-01_a_13.48.13

Originaria delle fresche zone montuose dell’estremo oriente, dove più di 1000 anni fa i monaci buddisti cominciarono a coltivarla a scopi ornamentali rubandola alla foresta, la camelia è stata oggetto nei secoli di una lunghissima e attenta opera di selezione e ibridazione da parte dell’uomo.

Tantissime sono le varietà in cui si presenta oggi, fra cui le più diffuse sono quelle della Camelia japonica: arrivata in Inghilterra nel 1823, fu subita apprezzata per le sue modeste dimensioni e il portamento compatto ed elegante, adatto ai piccoli spazi.

Pochi sanno che la più antica camelia italiana è quella ospitata nella Reggia di Caserta, ma il primato europeo va a un esemplare ospitato nel castello di Plinitz, vicino a Dresda: piantato nel 1770, allora già non più giovanissimo, all’età di venti anni. Un fascino enorme suscitano altresì le pochissime varietà sopravvissute al tempo: in qualche giardino antico è ancora possibile ammirare le discendenti dirette delle piante che i marinai portoghesi nel Cinquecento portavano a casa insieme alla camelia da tè.

Ma veniamo a noi: ci stiamo avvicinando al momento adatto per il rinvaso di questa nobile pianta, a fine inverno-inizio primavera. Vogliamo darvi qualche consiglio utile.

Come per l’Erica e il Rododendro, appartenenti alla stessa famiglia botanica delle Eriacee, la camelia preferisce suoli acidi, salvo rare eccezioni. Il terreno deve avere dunque un pH compreso tra i valori 5.5-6.5. E’ consigliabile scegliere di coltivarla in vaso anche quando la terra del giardino ha prevalenza calcarea (pH superiore a 7), e quando è alta la componente argillosa: verrebbe infatti a mancare il requisito di un elevato drenaggio, senza il quale le radici entrano in sofferenza.

L’operazione di rinvaso va svolta in una giornata mite e senza vento, che potrebbe rapidamente asciugare o stressare le microradici superficiali.
Ecco come fare:
1 Togliete la pianta dal suo contenitore e analizzate le radici. Se sono quasi invisibili, scegliete un contenitore di poco più grande (aumentate il diametro di circa 5-7 cm); se sono affastellate e arrotolate, occorre prevedere un vaso di dimensioni maggiori. In questo modo, la pianta troverà spazio per lo sviluppo e non richiederà rinvasi per almeno 2-4 anni. Una volta rimosso il pane di terra, con la forchetta da giardino o le dita rimuovete parte del terriccio superficiale che incrosta le radici.

2 Peparate il nuovo contenitore, in terracotta o plastica (questo materiale è indicato soprattutto nelle zone esposte al vento caldo estivo, in quanto riduce l’evaporazione del terriccio). Spezzettate grossolanamente dei cocci per coprire i fori di drenaggio.

3 Stendete uno strato di argilla espansa, almeno 2 dita, anche di più per contenitori grandi. In questi ultimi è consigliabile porre un pezzo di telo di tessuto non tessuto sull’argilla, per evitare che il terriccio vada a mescolarsi con le palline.

4 Il terriccio deve essere grossolanamente sbriciolato per evitare di lasciare zolle compatte.

5 Ponete la pianta nel nuovo contenitore, facendo in modo che la linea di interramento sia a circa 2 cm dal bordo. Il colletto (punto di innesto tra fusto e radici) non deve essere interamente coperto. Spargete qualche granulo di concime organico a lenta cessione, che fornirà nutrimento graduale alle radici in attecchimento.

6 Compattate con le mani la superficie e innaffiate con delicatezza.

Ultima raccomandazione: irrigate preferibilmente con acqua piovana. Se usate quella della rete idrica, lasciatela decantare nell’innaffiatoio almeno una notte. Non irrigate mai con acqua molto fredda.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA