Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
piante da giardino
Gi
Basilico o Perilla frutescens: coltivazione e impieghi
Inviato da Redazione GI il 11-01-2017 08:15
Immagine1_7f1389e4

Scopriamo insieme Perilla frutescens o basilico cinese, una pianta molto bella ampiamente utilizzata sia in cucina che in medicina per le sue importanti proprietà naturali. Nota anche come shiso o egoma, la Perilla frutescens è originaria dell'Est asiatico – Cina, Giappone e Corea – ma trova spazio anche tra le coltivazioni di India e Vietnam.

Descrizione

Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, analoga al basilico e alla menta, ed è un erbacea annuale che può raggiungere una dimensione circa di 60/80 cm. Ha foglie ovali seghettate di colore verde o rosso a seconda della varietà. Lo sviluppo è eretto, e se coltivata in vaso o in giardino tende a crescere sia in altezza che in larghezza; l'infiorescenza a spiga produce semi da ottobre.

Coltivazione

Riprodotta da seme, è adatta alla coltivazione in vaso ma anche in giardino o nell'orto dove convive bene con molte piante di questo ambiente.

  • Semina: da effettuare, sia in semenzaio che direttamente in terra, da marzo a luglio; alle nostre temperature è consigliato il semenzaio. In terra piena si risemina da sola, in caso si voglia però controllarne la crescita e la diffusione i semi vanno raccolti da ottobre e utilizzati entro 6 mesi. Se posta a dimora in terra è bene scegliere un suolo fertile e leggermente umido. Se si opta per il semenzaio, una volta collocati i semi in vasetti o alveoli, compattare leggermente il terreno e mantenere a una temperatura di 15-20 gradi; in circa 10-15 giorni il seme germinerà. Verso metà maggio trapiantare in vaso o in terra.
  • Esposizione: richiede una posizione soleggiata o leggermente in ombra. Se le temperature scendono molto, nel caso sia posizionata in piena terra pacciamare con foglie o paglia; se in vaso ritirarla in serra riscaldata o in casa fino a quando non si avrà una temperatura esterna di almeno 15 gradi.
  • Concimazione e irrigazione: in terra meno esigente che in vaso, in ogni caso, non deve essere bagnata eccessivamente. In terra, tra un'annaffiatura e l'altra – circa ogni 2-3 settimane in base alla temperatura – fare attenzione che il terreno rimanga asciutto per un paio di giorni.

Utilizzo in cucina

Considerata pianta, è ricca di tannini e antiossidanti fenolici. Se ne utilizzano le foglie e i semi. Le foglie possono essere consumate fresche o essere cotte al vapore o impiegate nella preparazione di minestre e degli involtini primavera. In genere vengono consumate crude le foglie verdi, mentre quelle a colorazione rossa si consumano cotte.

Le foglie rosse sono un ingrediente nella preparazione delle famose prugne acerbe giapponesi ume-boshi. Le foglie seccate possono essere utilizzate come spezia per sughi, risotti e frittate oppure bevute in infusione preparandole come un tè. Fresche, si utilizzano in insalata o come colorante alimentare naturale.

Dai semi si estrae un olio ricco di acidi grassi omega3 e di flavonoidi il cui utilizzo trova impiego anche come olio da cucina.

Rimedi naturali

Da secoli usata nella medicina cinese come espettorante e nelle allergie da polline per combattere asma e tosse, questa pianta viene utilizzata anche per rinforzare il sistema immunitario. L'olio ottenuto dai semi, grazie all'effetto antiossidante, è efficace nella prevenzione e cura delle infezioni di origine batterica e dell'influenza. A esso vengono, inoltre, attribuite proprietà antiallergiche (pollini, acari e intolleranze alimentari) e antitumorali. Nelle allergie, in particolare, la sua capacità di inibire la produzione di istamina e di altre sostanze responsabili dei fenomeni allergici lo rende utile in caso di asma, riniti, orticarie, dermatiti ed eczemi. Privo di effetti collaterali noti, pare sia efficace anche nel trattamento della psoriasi e nella prevenzione di malattie cardiovascolari.

Tratto da GD1-2/2012

Fotografie di www.pianteinnovative.it

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE