Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
chef nell’orto
Is
Fiori d’inverno a tavola: Viola odorata e Viola tricolor
Inviato da ItaliaSquisita Redazione il 16-12-2010 16:23
Viola_tricolor

Le ricette con i fiori sono diventate molto gettonate ultimamente, annoverate da molti chef anche come elementi dell’alta cucina. La famiglia delle Violacee, che raggruppa circa 500 specie, annovera fiori molto indicati per la cucina.

La Viola odorata, meglio nota come viola mammola o violetta, è una specie invernale che nasce spontaneamente ai bordi delle strade e dei sentieri di campagna, i cui fiorellini viola diffondono un gradevole profumo. se non vengono utilizzati freschi, si fanno seccare in luogo buio e asciutto. Nelle insalate, oltre ai fiori, fragranti e colorati, si inseriscono le foglioline più tenere.

Le violette profumano creme e gelati, sono ottime fritte in pastella e, se vengono candite, sono decorative oltre che deliziose. Con la Viola odorata, Greci e Romani preparavano aromi da cucina e ghirlande utilizzate durante i banchetti, poiché si riteneva contrastassero gli effetti del vino. In Oriente invece i fiorellini profumavano una bevanda molto amata chiamata “sherbet”.

Meno utilizzata in cucina, la viola del pensiero (Viola tricolor) è molto appezzata per le sue qualità decorative e per il sapore caratteristico che regala a ricette di legumi e insalate. Facile da coltivare e amante del freddo, in giardino o in vaso, la viola dura dall’autunno alla primavera, sempre in fiore.

Viole e violette hanno entrambi proprietà cosmetiche e curative interessanti. L’infuso, ottenuto lasciando una manciata di fiori in una tazza d’acqua bollente per 15 minuti, ha buone proprietà espettoranti e calmanti della tosse. applicato sulla pelle, cura la crosta lattea dei neonati, l’acne e le dermatiti e svolge un’azione emolliente, depurativa e decongestionante.

Ecco la ricetta delle viole in pastella:

Ingredienti: una manciata di violette, un bicchierino di maraschino, 250 g di farina, 2 uova, ½ bicchiere di latte, zucchero a velo, olio, sale, zucchero.

Preparazione: raccogliete le violette con i gambi e riunitele in mazzetti di 10-12 fiori. Fate sciogliere nel maraschino 50 g di zucchero e immergetevi le violette per almeno un’ora. Preparate la pastella, mescolando la farina con i tuorli, il latte, due cucchiai di