Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
piante da appartamento
Gi
Piante da appartamento: la clivia
Inviato da Redazione GI il 10-12-2010 11:53
Clivia

Sempre in tema di scelta delle piante natalizie, ma non solo, la clivia è di sicuro la pianta ideale per chi è alle prime armi in atto di verde. È parente dell’Amaryllis ma non ha un bulbo, bensì radici carnose. Tra le piante perenni, è una delle più decorative, soprattutto quando è in fiore.

 

Com'è fatta e come si cura
Ha dimensioni contenute (circa 50 cm di altezza e diametro) e presenta foglie carnose, arcuate, di un bel verde scuro. Dal centro delle foglie, nel periodo di dicembre-gennaio, spunta uno stelo che porta un’ombrella di 10-20 fiori a imbuto, colora arancio carico fino al giallo limone, che durano per parecchi giorni. A sfioritura avvenuta, tagliate lo stelo dell’infiorescenza, in modo che non si formino i semi: lo sforzo impedirebbe alla pianta di fiorire l’anno successivo.

Collocate la clivia in una posizione luminosa, ma priva di raggi solari diretti: questa pianta non ama gli spostamenti. Sopporta l’aria secca dovuta al riscaldamento, ma preferisce vivere fra i 16 e i 21° C. Una volta al mese, pulite delicatamente le foglie con un panno umido, sostenendo la lamina con la mano.

La fioritura richiede abbondanti annaffiature, ma solo quando il terriccio si è asciugato: la clivia teme i ristagni idrici. Sempre in fioritura, concimatela con un prodotto liquido per piante da fiore, una volta a settimana. Dopo aver tagliato lo stelo fiorale, continuate a bagnarla regolarmente e concimarla. In maggio spostatela all’aperto, a mezz’ombra, aumentando l’apporto d’acqua e vaporizzando il fogliame ogni giorno in estate.

Alla fine dell’estate mandate la pianta a riposo per indurre la fioritura: dall’inizio del riposo alla comparsa dei fiori passeranno circa due mesi, quindi potete decidere quando averla in fiore. In genere il momento giusto è in ottobre-novembre, per ottenere i fiori tra Natale e Carnevale, oppure si posticipa a gennaio per avere i fiori a Pasqua. Rinvasatela, sospendete annaffiature e concimazioni, e spostatela in un luogo fresco e poco luminoso, a 10°C. Se la pianta è in buona salute, dopo 45-60 giorni spunterà lo stelo fiorale. Aspettate che si sia sviluppato in altezza, poi spostate la pianta in casa, riprendendo le cure solite.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA