Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Piante di Natale: l’Amaryllis
Inviato da Redazione GI il 07-12-2010 15:34
Amarillis

Proseguiamo con i consigli per l’acquisto e la cura delle piante natalizie con l’Amaryllis, il cui nome deriva dal greco e significa “splendere”. Questa pianta da appartamento è nota anche come “suocera e nuora”, perché le corolle di uno stesso stelo sbocciano dandosi le spalle.

Gli Amaryllis sono piante bulbose di grandi dimensioni, dai colori molto belli e dall’intenso profumo, ideali come piante da appartamento e ornamentali. Nel linguaggio dei fiori questa pianta simboleggia eleganza e fierezza, uniti alla timidezza.

 

Come sceglierlo
Per avere i fiori a Natale, dovete sceglier un bulbo già interrato nel vaso, che presenti il germoglio ingrossato dei fiori che spunta dal bulbo. Se lo acquistate poco prima delle feste, potete optare per germogli già sviluppati, che stanno proprio per chiudere le corolle.

Come curarlo
Ponete il vaso in un luogo luminoso, al caldo (ma non vicino al termosifone). Inserite un tutore lungo il bordo del vaso: vi servirà per legare il grosso gambo che porta i fiori, il cui peso potrebbe sbilanciare il vaso. Bagnate moderatamente appena il terriccio si asciuga. Quando i fiori appassiscono, tagliate il grosso gambo alla base, vicino al bulbo. Spesso il bulbo produce un secondo stelo di fiori: il germoglio, in genere, appare quando il primo stelo non è del tutto appassito. Solo in casi eccezionali si ottiene anche un terzo stelo.

Dopo le feste
Quando il bulbo ha terminato la fioritura, emette le lunghe foglie arcuate. Spostate il vaso in ambiente fresco, bagnandolo una volta al mese. Da marzo a settembre fornite ogni 15 giorni una dose di concime liquido per piante da fiore. In ottobre tagliate le foglie vicino al bulbo, estraetelo dal terriccio e ricoveratelo in cantina. Lo ripianterete in marzo: rifiorirà in giugno-luglio.

Primavera in anticipo
Oltre agli Amaryllis, con l’avvicinarsi delle feste, i garden center offrono una quantità di bulbi primaverili già forzati (ad esempio grochi e giacinti). Situateli in casa, al caldo e alla luce, e in un paio di settimane fioriranno. Dopo la fioritura tagliate le foglie secche, estraete i bulbi dal terriccio, lasciateli asciugare in un luogo buio e fresco. Potrete forzarli di nuovo l’anno prossimo.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA