Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Il keiki e la moltiplicazione delle orchidee
Inviato da Redazione GI il 14-03-2013 09:46
Keiki-phalaenopsis-video_1e5fcea9

La Phalaenopsis è un genere di orchidee che comprende circa cinquanta varietà, alcune fra le quali rappresentano ormai l’idea più comune che si ha di queste piante di origine tropicale. Questo anche perché, rispetto ad altre, le fioriture perdurano anche per settimane, garantendo quindi uno spettacolo prolungato.

Ma cosa fare quando la phalaenopsis è ormai sfiorita? La pianta è tutt’altro che esaurita, e può tranquillamente riprodursi e rifiorire.
Durante la fase vegetativa la pianta emette nuovi rametti, nuovi steli, dotati di radici: questo può avvenire per diversi motivi, ma anche spontaneamente. I nuovi apparati sono facilmente riconoscibili anche perché non nascoste nella terra; si tratta di piante epifite, cioè che vivono appoggiandosi sui tronchi di altri alberi, e non hanno bisogno di un substrato in cui radicare.

Ognuno dei nuovi steli sarà in grado di produrre una fioritura, e di essere a tutti gli effetti una piantina autonoma. Ecco perché moltiplicare le orchidee phalaenopsis è importante. Una volta evidenziati i cosiddetti keiki, è sufficiente staccarli con delicatezza dalla pianta madre e rinvasarli. Gli steli non vanno recisi, perché l’intera struttura è necessaria per la fioritura. Prima di effettuare questa operazione, è bene assicurarsi che il “figlio” sia abbastanza grande per essere indipendente: deve, cioè, aver già sviluppato un suo apparato radicale di almeno qualche centimetro di lunghezza e avere un suo fogliame.

Per mettere a dimora i keiki si procede come per qualsiasi rinvaso di un’orchidea: si sceglie un vaso di plastica della dimensione adatta - non troppo piccolo ma nemmeno troppo grande, e vi si appoggia la pianta al centro. Fatto questo, il contenitore andrà riempito con della corteccia, su cui le radici potranno poggiarsi con facilità.

 

Ecco i nostri video tutorial, sulla moltiplicazione, sul rinvaso delle orchidee e sulle "zattere":

 

 

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA