Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
news
Gi
L’appello di Giulia Maria Crespi: ridiamo importanza all’ambiente e all’agricoltura!
Inviato da Redazione GI il 11-11-2010 17:49
Pic_119

Intervistata dal canale televisivo del Corriere della Sera, Giulia Maria Crespi, presidente onorario del FAI , nonché agricoltrice, come tiene lei stessa a precisare, si rivolge alla politica italiana e non solo, mettendo in luce le gravi problematiche in cui versa l’agricoltura e l’ambiente.

In vista dell’incontro “SOS agricoltura” organizzato da FAI, WWF e dall’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica il 18 novembre a Bologna, Giulia Maria Crespi lancia un appello alla politica sull’importanza capitale dell’agricoltura in Italia, alla luce anche degli ultimi disastri ambientali avvenuti in Veneto e a Pompei.

Giulia Maria Crespi porta in studio un kiwi proveniente dalla Nuova Zelanda, mettendo in evidenza il fatto che, nonostante l’Italia sia il maggior produttore di kiwi al mondo, sempre più spesso accade che si preferisca importare prodotti, a danno della nostra industria agricola e anche della nostra salute.

Da più lontano provengono i prodotti, infatti, e più sono necessari pesticidi e conservanti per poterli mantenere. Il tutto a danno dei consumatori. Per non parlare del carburante necessario per i trasporti, inquinante per l’ambiente ma anche per i prodotti stessi.

Filiera corta e chilometro zero sono quindi il motto suggerito dalla Crespi che sottolinea la presenza in Italia di luoghi vicini, come il Parco Agricolo Sud di Milano.

Insomma, sostiene la Crespi, bisogna smettere di pensare solo al presente, ragionando come cicale, ma guardare più al futuro, come le formiche nella famosa storiella. Sollecitata in finale dall’intervistatore, il presidente del FAI sostiene fiduciosa che uno spiraglio a tutto questo c’è ed è la società civile, l’unica in grado di smuovere le acque e sollecitare il cambiamento.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA