Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
coltivare l'orto
Gi
Un tocco di colore: la coltivazione del limone
Inviato da Redazione GI il 11-11-2010 12:03
Limoni_ae9bd24b

Piante da frutto: Limone

Nome scientifico: Citrus × limon

Tra tutti gli agrumi, considerati preziosi frutti d’oro dell’inverno, il limone è uno di quelli la cui coltivazione è possibile anche in vaso, contribuendo a portare una ventata di Mediterraneo anche nel Nord Italia. Il profumo dei fiori di limone, unito a quello dei suoi frutti, regala un tocco di estate anche nei mesi più freddi e grigi dell’anno. La coltivazione del limone non è tra le più facili: la pianta richiede infatti un terriccio e un fertilizzante specifico: in estate soffre per l’aria stagnante, calda e umida, mentre in inverno non tollera temperature superiori a 15 °C.

In vaso la pianta raggiunge un’altezza massima di 2 metri e un diametro di un metro. Si tratta di un sempreverde che può fiorire in qualunque periodo dell’anno, per un arco di almeno due mesi consecutivi. Prima però bisogna stimolare la fioritura mantenendo la pianta per almeno un mese a una temperatura intorno ai 10 °C: aspettate a ricoverare la pianta per l’inverno finché la temperatura notturna non sia scesa stabilmente sotto i 5 °C.

COME COLTIVARE IL LIMONE
Va posizionato in pieno sole all’aperto da aprile a ottobre. Durante la stagione fredda il limone deve svernare invece in una stanza fresca: vanno benissimo una veranda o un pianerottolo. In alternativa, avvolgete la chioma con veli di non tessuto e il vaso con plastica pluriball e avvicinate la pianta a un muro a sud.

Per quanto riguarda l’irrigazione, la pianta di limone va bagnata in abbondanza da maggio a settembre, riducendo l’apporto nella stagione di mezzo; in inverno, invece, basta un po’ d’acqua ogni 15 giorni.

La concimazione: va effettuata ogni 15 giorni da aprile a settembre e durante la fioritura e produzione dei frutti, con un prodotto specifico per gli agrumi.

La forma di allevamento: è quella naturale, a globo con 3-4 branche (grossi rami portanti) alla base, inclinate di 60° rispetto alla verticale, simmetriche e distanziate alla base di 10-15 cm una dall’altra.

La potatura: si esegue nel periodo primaverile-estivo ogni anno, evitando i mesi di febbraio e marzo, quando si ha l’accumulo delle sostanze di riserva. Vanno ugualmente evitati i periodi in cui le temperature sono molto basse o molto alte. È preferibile limitarsi ad alleggerire la chioma eliminando i rami secchi, rotti o debilitati dopo che hanno già fiorito o quelli curvi verso il basso. È infatti importante non alterare il rapporto tra vegetazione e produzione: tagli eccessivi favoriscono la vegetazione a scapito della fruttificazione. Nelle piante giovani i tagli sono da evitare il più possibile, per non ritardare l’entrata in produzione.

Malattie e parassiti: fra le malattie fungine le più temibili sono il mal secco, la gommosi del colletto, il marciume pedale e i marciumi delle radici, l’allupatura o marciume bruno che interessa il frutto. Tra gli insetti vanno controllati il tripide degli agrumi, la mosca fioccosa, la cocciniglia cotonosa-solcata, il cotonello, la cocciniglia mezzo grano di pepe e altri tipi di cocciniglie, la tignola della zagara e la celidonia della zagara. Molto importanti sono poi le parassitosi da acari, come l’acaro delle meraviglie, l’acaro rugginoso e i ragnetti rossi.

Per ottenere un’abbondante produzione di frutti
Appena incominciano ad aprirsi i primissimi fiori bisogna sospendere l'irrigazione per 20-25 giorni in vaso, 30-40 giorni in piena terra, per provocare un leggero appassimento delle foglie e arrestare ogni processo di accrescimento. La pianta entra in una fase di dormienza e il lento ma contenuto indebolimento predispone a un’abbondante fioritura. È però necessario trovare il giusto equilibrio per evitare che la pianta soffra eccessivamente; va esaminata giornalmente, osservando, per esempio, nelle prime ore del mattino le foglie accartocciate in senso longitudinale: stringendole in mano non devono accartocciarsi, ma rimanere piegate.
Al termine del periodo si riprendono le irrigazioni con quantità di acqua regolarmente crescente.

Ecco i nostri video tutorial sulla potatura del limone e dell'innesto:

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA