Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il frutto
Gi
La pianta del melograno fra fiore e frutto
Inviato da Redazione GI il 09-01-2013 10:18
Fiore-di-melograno_5067b835

Un frutto splendido e sorprendente, oltre che eccellente: è il melograno, che oggi siamo abituati a collegare al periodo delle Feste, quando i frutti sono in vendita nei negozi e supermercati non solo come prodotto per la tavola di stagione, ma anche come elemento di bellezza e simbolo di auguri.

Le virtù di un frutto mediterraneo
Il melograno è un albero davvero generoso: ne vediamo splendidi esemplari nel Sud e lungo le coste, con i loro tronchi nodosi, ma perfino a Milano è facile ammirarne la splendida fioritura estiva; pur essendo sensibile al freddo, sopravvive discretamente in Pianura Padana, rigettando i rami dalla base se l'inverno diventa tanto gelido.

Il melograno da frutto è del tutto simile al melograno da fiore, la pianta è sempre la stessa, Punica granatum.

Ciò che cambia è la varietà: alcune sono selezionate per fornire una ricca fioritura in colori diversi e con fiori molto vistosi e abbondantissimi, che appaiono da fine maggio alla fine dell'estate, in modo instancabile. Ma molto spesso queste varietà sono sterili e non danno frutti, offerti invece da altre varietà che nei secoli sono state selezionate per ottenere un raccolto abbondante sia in termini di quantità che in termini di qualità.

Un po’ di storia
Un tempo in Italia molte zone del Sud avevano produzioni di alta qualità, oggi perdute; le produzioni sul mercato giungono in buona parte da Israele e Turchia, e anche dalla Spagna: la città di Granada, protagonista di una canzone resa celeberrima da Claudio Villa negli anni '60 e '70, deve il suo nome proprio ai melograni dai frutti dolcissimi che un tempo crescevano numerosissimi nelle campagne intorno a questa bella città, oggi sostituiti da produzioni di arance. Fortunatamente anche in Italia c'è una ripresa di interesse per questo frutto, per ragioni legate anche alle sue virtù alimentari. Alcuni agricoltori di Marsala e Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, hanno reintrodotto il melograno come coltura integrativa più che alternativa o sostitutiva della vite da vino.

Come coltivare il melograno da frutto
Anche se il melograno cresce bene pure in vaso, la produzione migliore si ha in piena terra, in suolo anche povero e sassoso, sempre ben drenato, con un poco di concime a fine autunno e inizio primavera.

Poche le cure necessarie: tanto sole, niente potature se non per una pulizia sommaria a fine inverno. Le irrigazioni, moderate, sono necessarie per ottenere un buon raccolto, ma in assenza di irrigazioni un melograno maturo resiste perfettamente anche nei nostri climi caldi.

La maggior parte della produzione di frutti avviene nella parte terminale dei rami. Per ottenere un buon raccolto occorre procurarsi una varietà da frutto presso un vivaista specializzato; la propagazione avviene per talea, utilizzando rami di 1-2 anni ben lignificati.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA