Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
curare il giardino
Gi
Malattie delle piante: la muffa grigia
Inviato da Redazione GI il 19-10-2012 09:57
Botrite_poinsettia_ok_3b5761c1

Nome scientifico: Botrytis cinerea

  

Che cos’è: la botrite o muffa grigia è una delle malattie fungine fra le più temibili, perché ubiquitaria e poco selettiva. Deve il nome alla struttura e al colore che conferisce ai tessuti vegetali attaccati.

 

Quali piante attacca: non ha preferenze, se non per i tessuti erbacei di ornamentali (dalle primule alle petunie, ai gerani, alle peonie e ai ciclamini, perfino alle piante grasse), di orticole (dal pomodoro alla zucca, al sedano, alla carota…) o di fruttiferi (oltre ai germogli degli alberi, tutti i frutti ricchi d’acqua, dalle mele alle albicocche e ai lamponi ecc.).

 

Come si manifesta: si nota un rammollimento dei piccioli che sostengono foglie e fiori, cui segue il ripiegamento e appassimento delle lamine e dei bocci. Osservando bene, si nota una peluria grigia o biancastra nelle zone più molli, che si inumidiscono e marciscono. I frutti si coprono di una sottile muffa biancastra.

 

Che danno provoca: il fungo devasta i tessuti vegetali, “sciogliendoli”. Così si interrompe la fioritura e si staccano le foglie; nei casi più gravi marcisce il colletto della pianta e subito dopo anche le radici muoiono.

 

Quando colpisce: le spore (strutture riproduttive, paragonabili per funzione ai semi) si liberano nell’aria – toccando la parte ammuffita si alza una sorta di pulviscolo – per depositarsi anche a notevole distanza. Attacca di preferenza piante già indebolite, dove l’ambiente sia ricco di umidità, come capita spesso in primavera e autunno vicino a substrati troppo bagnati, fra esemplari piantati troppo vicini dove l’aria non circola, oppure in serra in inverno.

 

Come si previene: bagnate senza eccessi e di mattina quando i tessuti vegetali si asciugano più rapidamente; spaziate gli esemplari alla piantagione; arieggiate di frequente la serra e le piante sotto coperture invernali; riducete le concimazioni azotate che arricchiscono in liquido i tessuti; eliminate subito le parti sfiorite o appassite che sono facile preda del parassita.

 

Come si cura: eliminate con cura tutte le parti ammuffite e irrorate i sali di rame (come la poltiglia bordolese), ripetendo ogni 10 giorni fino alla scomparsa dei sintomi.

 

Articolo di Elena Tibiletti.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA