Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
il fiore
Gi
Le composizioni floreali in giardino ravvivano l'autunno
Inviato da Redazione GI il 04-11-2010 16:48
Composizioni

Se freddo e brutto tempo vi sembrano un ostacolo per la creazione di composizioni floreali allegre e colorate anche in autunno, ecco qualche consiglio per rallegrare al meglio le vostre case e i vostri giardini con fiori e piante scelti appositamente in base a questa stagione.


Crisantemi: le forme nane a margherita di questo fiore lo rendono adatto a composizioni di piccole dimensioni. È consigliabile disporli in vasi in una serra o, in alternativa, in una zona non troppo rigida o umida. Si tratta di un fiore che necessita di molta acqua ed è quindi consigliabile un abbondante innaffiatura.


Ciclamini: sono disponibili in diverse sfumature di colore, forme e dimensioni. Le varietà a fiore piccolo sono più robuste. Il freddo intenso dell’esterno e il caldo dell’appartamento sono fattori di rischio. Per una buona coltivazione dei ciclamini è consigliabile tenerli in un luogo protetto e asciutto.

Eriche: la coltivazione dell'erica permetta di donare un tocco di colore al giardino. Le piante sono in grado di resistere anche tutto l’inverno ma con un po’ più di difficoltà resistono fino all’anno successivo.

Cavoli ornamentali: danno il meglio anche ricoperti di neve, essendo molto resistenti. Il cavolo ornamentale teme particolarmente il caldo ed è quindi consigliabile non tenerlo in casa.


Bacche colorate: ravvivano le composizioni floreali e possono essere utilizzati anche solo alcuni rametti recisi dall’arbusto della pianta. Tra le specie consigliate ci sono pernettya, sinforina, iperico, la skymmia dalle bacche rosse, la callicarpa dai frutti violacei e il berberis dalle bacche rosso fuoco.


Sempreverdi: le piante sempreverdi hanno il vantaggio di una lunga durata nel tempo e di impreziosire con un tocco green le composizioni. Le conifere nane, ad esempio, possono essere collocate in vasi e cassette di media dimensione, sufficientemente profondi per accogliere il loro pane radicale.