Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il frutto
Gi
Frutti tropicali: consigli di coltivazione
Inviato da Redazione GI il 12-01-2012 20:07
Ananas

Belli e squisiti, i frutti tropicali sono ormai di casa e molti di essi vengono coltivati nelle nostre regioni del Sud. Ecco curiosità e notizie utili per assaporarli... e per provare a coltivarli.

 

Profumati, curiosi, spesso squisiti e sempre belli da vedere: i frutti esotici sono diventati ormai una presenza fissa sui banchi dei supermercati, dei mercatini rionali e dei fruttivendoli più forniti. Un po’ perché la società si è fatta multietnica e multiculturale, e un po’ perché i sistemi di trasporto veloce e conservazione hanno reso possibile diffondere la commercializzazione a prezzi ragionevoli di frutti provenienti da Paesi tropicali, un tempo riservati solo alla tavola di ricchi e potenti. Sembra lontano il tempo in cui, nelle campagne padane, ai bambini si regalava per Natale un’arancia o un mandarino: frutto costoso e dunque prezioso... Oggi i mandarini catanesi vanno al macero perché nessuno li vuole più. E allora a Fiumefreddo, ai piedi dell’Etna, via gli agrumi e spazio alla nuova frontiera: i manghi siciliani sono di ottima qualità e possono dunque far concorrenza ai produttori spagnoli, portoghesi e tunisini di questo frutto di origine indiana. Non per niente la zona di Fiumefreddo, sul versante jonico fra Messina e Catania, è chiamata ‘la Florida italiana’ per le particolari condizioni climatiche. Ma anche ad Alcamo, nel Trapanese, c’è chi mette in coltivazione il mango e non solo per piacere personale, ma per farne una coltura da reddito, mentre in Calabria ci sono piccole produzioni di annona, che dalle calde terre equadoriane ha trovato casa tra le coltivazioni di bergamotto.

 

 

Consigli di coltivazione

Vediamo ora insieme quali sono i principali accorgimenti da rispettare per la coltivazione dei frutti esotici più comuni

• Molti frutti esotici sono coltivabili nel nostro Paese ma sono riservati ai giardinieri fortunati che vivono in clima mite. Con una precisazione: la maggior parte di essi è di origine tropicale, gradiscono quindi temperature elevate ma, anche elevata umidità. È quindi da evitare una posizione troppo esposta al rischio di aridità e al vento asciutto. • Nelle zone più protette e soleggiate del Nord, lungo le coste lacustri e in Liguria può crescere l’Asimina o banano del Nord, con frutti simili a tozze banane dalla polpa cremosa.

• L’annona o chirimoyo, di origine sudamericana, viene occasionalmente coltivata in Calabria. Coltivabile anche in vaso, ma non sempre si ottengono i frutti perché gli insetti adatti all’impollinazione scarseggiano nei nostri climi.

• L’avocado è facile da far germogliare dal grosso seme, ma non è facile portare la pianta alla maturità, anche disponendo di una serra, perché occorre evitare completamente sia l’aridità del suolo che la persistenza eccessiva di umidità. Se coltivato all’aperto, richiede inverni molto miti e deve essere riparato dal vento.

• La papaya è coltivabile al Sud in zone protette e in serra. L’albero ha un aspetto pregevole e i grossi frutti crescono attaccati al tronco principale. I frutti maturano in inverno e primavera; la pianta cresce rapidamente e resiste bene al vento.

• L’ananas in serra cresce bene; può essere coltivato in vaso e trasferito al riparo dai primi di ottobre a maggio, ma i frutti si formano e maturano solo se vengono garantite buona umidità, tanta luce e temperatura costante.

• Se trovate dei semi di kiwano (Cucumis metuliferus), provate a coltivare questa stranissima specie di cetriolo con la buccia arancione e la polpa verde. I piemontesi Fratelli Gramaglia (Collegno, www.fratelligramaglia.it) hanno una piccola produzione di piantine di kiwano; potete anche iscrivervi alla lista di scambio semi di piante esotiche e tropicali www.tropicalgardens.it.

• Altri indirizzi utili: Vivai Torsanlorenzo www.torsanlorenzo.it, Vivai Natale Torre, Milazzo,torrenatale@hotmail.com, Vivai Armato, Castelvetrano (TP), www.vivaiarmato.it 

 

(tratto da “Le perle dei Tropici, di L.Lombroso, n.12, 2007)

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA