Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
piante da giardino
Gi
Piante d'inverno: le gemme, coraggiose e resistenti
Inviato da Redazione GI il 12-01-2012 19:59
Myrtillus_gemma

Ci accorgiamo di loro alle soglie della primavera, quando seguiamo con trepidazione la loro apertura che sfocia o nel dispiegamento delle foglioline color verde tenero, o nel dischiudersi dei petali a formare le prime corolle di stagione. Ma in inverno come fanno a resistere? Non hanno freddo?

Le gemme d'inverno, bisogna dirlo, sono quasi invisibili. Ad esempio su carpini, melograni e spiree, è difficile vederle ma ci sono! E il giardiniere inesperto sbaglia a temere una primavera senza vita.

Sembrano inoltre secche sulle clematidi, il cui aspetto invernale già non aiuta a considerare vive le piante, ma anche sui salici, dove assomigliano a foglioline disseccate; rappresentano invece una corposa promessa su ippocastani, noci e ailanti, dov’è impossibile non notarle anche in pieno inverno, grandi e turgide come rimangono per alcuni mesi.

Sì, perché le gemme, a ben guardare, non si formano all’improvviso alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, bensì sono già presenti, minute e poco visibili, alla caduta delle foglie, in autunno, e permangono sui rami nudi ed esposti alle intemperie per tutta la durata della cattiva stagione. Com’è possibile allora che organi comunque così piccoli possano proteggere adeguatamente parti vegetali tanto delicate, come appunto sono i germogli di foglioline e fiorellini, anche durante certi gelidi inverni italiani?

Ci riescono perché la natura prodigiosa ha previsto quasi tutto: le ha dotate innanzitutto di una robusta custodia, vale a dire di due o più squame – chiamate botanicamente “perule” – cuoiose, rigide e a tenuta stagna, a volte per giunta ricoperte di peli, come nel caso dei salici, che mantengono i preziosi tessuti all’interno perfettamente isolati dall’ambiente esterno, in modo che non solo non penetrino le intemperie, ma che la temperatura rimanga, per quanto possibile, costante. In secondo luogo, i tessuti interni durante l’inverno non sono certo sviluppati e teneri come li vediamo in primavera, al loro dispiegamento: quando le gemme si formano, sono costituite da poche cellule che solo in un secondo tempo si organizzeranno in veri e propri tessuti. Per di più, queste cellule “preliminari” in inverno rimangono in uno stato di quiescenza che prevede anche un certo grado di disidratazione: mancando l’acqua, non può avvenire il congelamento di cellule quasi “secche”.

Ecco perché, se la temperatura si mantiene entro i valori previsti per ogni determinata zona geografica, le piante a essa idonee non subiscono danni e, anzi, in primavera sbocciano in un tripudio di fiori e foglie. Naturalmente, vale anche viceversa: geli eccezionali o piante che temono il freddo forniscono esiti infausti, proprio perché la natura ha previsto solo il prevedibile, non ciò che – indirettamente o direttamente – viene deciso dall’uomo.

 

(prosegue su "Il giardiniere curioso", E.Tibiletti, n.1-2, 2012)

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA