Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Cura stella di Natale: i segreti per farla rifiorire
Inviato da Redazione GI il 12-01-2012 19:42
Stelle_di_natale

A fine novembre le foglie apicali cominciano a colorarsi per una fioritura che esplode a Natale. Ma poi? Perché gettare la Poinsettia quando perde le foglie? Vale la pena di prendersene cura, con la promessa di una nuova fioritura l’anno seguente. Vediamo come, mese per mese!

 

• Il segreto della stella di Natale è semplice: la formazione di boccioli e la colorazione delle brattee avviene solo quando la luce diurna dura meno di 12 ore.

 

• In casa vive bene a temperature comprese tra 16/18° e 22/25°. Durante la bella stagione può stare all'aperto, protetta dall'insolazione diretta.

 

• Non sopporta l'aria stagnante e preferisce stanze ben ventilate, anche se non tollera le correnti d’aria fredda.

 

• Quando la pianta perde le brattee colorate dopo le feste, si tagliano gli steli a 10 cm dalla base. Per fermare la fuoriuscita di lattice si cospargono le ferite con cenere o polvere di carbone di legna, oppure con un panno in microfibra bagnato di acqua calda. Si colloca la pianta alla luce (ma mai al sole diretto), a temperatura tiepida, mantenendo il terreno quasi asciutto per circa un mese.

 

• maggio, quando la pianta mostra segni di crescita è necessario rinvasarla in un contenitore poco più ampio: in vasi troppo grandi le poinsettie sviluppano troppi steli a scapito delle brattee. Il terriccio ideale è a base di torba, leggermente acida e soffice, oppure dei consueti sostituti. Dopo il rinvaso si irriga quando il terriccio inizia ad asciugarsi. Evitare acqua stagnante nel sottovaso.

 

• Da fine maggio a settembre, ogni due settimane, si diluisce nell’acqua di irrigazione un fertilizzante liquido con alte percentuali di fosforo e potassio. Si pota lasciando cinque o sei steli principali.

 

• Le porzioni recise si possono utilizzare come talee di 10 cm di lunghezza, che radicano anche in un bicchiere di acqua tiepida, per produrre nuovi esemplari.

 

 

• È buona pratica cimare regolarmente gli apici degli steli fino a settembre, per stimolare una crescita più densa: se lasciate a se stesse le piante si allungano in steli fragili che si spezzano facilmente.

 

• A ottobre e novembre, le concimazioni si sospendono e le irrigazioni vengono ridotte, la temperatura deve stare tra i 18°C e i 25°C. Durante le ore di luce la pianta deve rimanere in posizione luminosa ma è necessario spostarla ogni giorno in luogo buio (armadio, sgabuzzino), oppure coprirla con un foglio di polietilene nero per 14-15 ore (dalle 5 del pomeriggio alle 8 del mattino).

 

 • Attenzione: qualsiasi interruzione del programma può compromettere la formazione delle gemme! Le foglie apicali iniziano a colorarsi a fine novembre e la poinsettia sarà in fiore per Natale.

 

• Se la Poinsettia mostra una colorazione poco uniforme la causa è spesso da ricercare nelle temperature poco uniformi e nella scarsa circolazione d’aria (ma attenzione sempre alle correnti fredde).

 

(Tratto da “Come cambia la stella di Natale”, di L.Ferrari, n.12, 2012)

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA