Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
news
Gi
Da riserve del re a parchi di tutti!
Inviato da Redazione GI il 21-06-2010 18:11
Parchi_2011_-_parco_la_mandria_ridotta

Fra le molte aree protette piemontesi alcune nacquero come riserve di caccia o luoghi di villeggiatura per i membri della casa reale Savoia.

Basti pensare al primo parco istituito in Italia: il Parco Nazionale del Gran Paradiso fra Piemonte e Valle d'Aosta, dichiarato Riserva Reale di Caccia da Vittorio Emanuele II per proteggere la popolazione di stambecchi. Oppure al Parco della Mandria che prende il nome dall'allevamento di cavalli istituito da Vittorio Amedeo II per le Scuderie Reali.

E ancora al Parco delle Alpi Marittime sul confine tra Liguria e Francia, nato come Riserva Reale di caccia, al Parco Naturale della Collina di Torino, nato sulla collina di Superga fra le cosiddette "vigne" (un complesso di ville e giardini sviluppatosi fra il XVI e il XIX secolo).

Insieme a questi il Parco Val Grande, il Parco della Val Troncea, il Parco della Burcina, il Santuario di Oropa e il Parco Fluviale del Po, si preparano con il progetto “Parchi 2011” a festeggiare il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia.

E ci ricordano così il valore di uno dei grandi regali dell'unificazione nazionale: decine di appezzamenti e riserve oggi più che mai da amare e difendere.

Per informazioni "Parchi 2011" - Threesixty 011-547471

Tag: riserve | parchi | piemonte | italia | news |
CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA