Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Coltivazione rose, quale scegliere?
Inviato da Redazione GI il 14-04-2010 12:33
Rosa whisky apertura

Prima di approfondire le tecniche di impianto, manutenzione e potatura diamo uno sguardo alle tipologie di rose in modo da scegliere la varietà più adatta al nostro giardino o terrazzo.

Le rose antiche sono meno generose di fiori rispetto a molte delle cultivar moderne, ma il loro profumo, l'eleganza e il portamento ne fanno un emblema di bellezza. Generalmente necessitano di pochissime cure e anche se trascurate fioriscono abbondantemente. Si adattano facilmente al terreno che trovano; fioriscono di solito una sola volta all'anno, in maggio-giugno, ma, in autunno si coprono di splendide bacche decorative.

Le rose rifiorenti a mazzi sono le più usate nei giardini, a siepi o cespuglio, per aiuole o bordure. A questo gruppo appartengono le Floribunda e le Poliantha. Le prime si chiamano così per l'abbondanza della fioritura e hanno mediamente fiori più grandi delle Poliantha, che sembrano derivare da un'ibridazione spontanea avvenuta in natura. La caratteristica comune è data da uno stelo che porta un gran numero di fiori, riuniti in un mazzo. Di solito sono esemplari robusti, resistenti alle malattie fungine e soprattutto all'oidio.

Le rose a cespuglio a grandi fiori derivano da ibridi di Tea, che hanno in più una grande rifiorenza e una maggiore resistenza. I lunghi steli sorreggono bellissimi fiori singoli, adatti da utilizzare come fiori recisi.

Le rose rampicanti hanno lunghi rami sarmentosi che, opportunamente legati a sostegni, possono ricoprire intere pareti, oppure formare pergolati.

Le rose tappezzanti sono ideali per ricoprire terreni in declivio. Sono varietà robuste, impiegate anche per l'arredo urbano.

Alberi di rose quanto mai decorativi e adatti come esemplari isolati possono essere creati innestando specifiche varietà di rosa su arbusti selvatici alti circa 1 m. Se gli astoni di innesto sono ancora più alti, impiegando cultivar che sviluppano naturalmente rami ricadenti si otterranno le cosiddette "rose piangenti", cespugli che piegano verso il basso i lunghi tralci, coperti per l'intera lunghezza da piccoli e numerosissimi fiori.

Avete solo un terrazzo o un balcone? Se non avete mai pensato alla coltivazione delle rose in vaso per voi dei preziosi consigli da cui prendere qualche spunto.

 

Ecco i nostri video tutorial sulla potatura delle rose:


CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA