Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
coltivare l'orto
Gi
Coltivare le piante aromatiche
Inviato da Redazione GI il 17-03-2010 15:20
Aromatiche

Esistono molti tipi di aromatiche adatte per il nostro orto o giardino.
La maggior parte preferisce il pieno sole in terreni ben drenati (soprattutto d’inverno) ma fertili e di buon impasto, che favoriscono lo sviluppo vegetativo. La ben nota capacità dimostrata da molte specie mediterranee di sopravvivere in circostanze siccitose e suoli poveri comporta che spesso vengano relegate ad angoli poco propizi del giardino, dove la crescita è rallentata e l’aspetto estetico compromesso. Al contrario i terreni troppo ricchi o le concimazioni possono provocare un accrescimento fogliare troppo rigoglioso, molto meno aromatico.

Dove le dimensioni limitate del giardino impediscono l’inserimento di aree adibite alla loro coltivazione, le aromatiche si possono facilmente integrare nelle bordure esistenti, sfruttandone sapientemente non solo le dimensioni e il portamento ma anche le differenze di trama e colore che permettono buone associazioni sia tra di loro che con molte altre piante.

Consigli di coltivazione, pacciamatura, potatura e contenitori.

• Una pacciamatura di ghiaia mantiene asciutto e pulito il fogliame delle sempreverdi tappezzanti (timo a foglia gialla o variegata in particolare) durante i mesi freddi e piovosi. Funziona inoltre da strato isolante contro il gelo ed evita l’eccessiva evaporazione del suolo d’estate.

• Per il mantenimento di un fogliame denso e ordinato, tutte le specie arbustive richiedono potature annuali sul legno giovane di tutta la chioma. La cimatura regolare di timo e rosmarino serve per migliorarne l’aspetto estetico che diventa altrimenti disordinato dopo qualche anno.

• In assenza di giardino molte aromatiche si adattano alla vita in contenitori che devono essere però sufficientemente ampi: l’errore più comune è infatti quello di costringerne le radici in vasi troppo piccoli che ne mortificano lo sviluppo e le rendono più vulnerabili agli attacchi di parassiti come afidi, ragno rosso e mosca bianca. È importante la disposizione degli elementi, un consiglio può essere quello di disporre i più grandi e longevi, come il rosmarino al centro, salvia di diverso colore ai lati e specie più piccole a riempire gli spazi (origano giallo, timo).

La disposizione nel nostro giardino

(c = anche per contenitori, s = sole, o = mezz’ombra)

Annuali biennali e bulbose:

Allium schoenoprasum, erba cipollina

c, s

Anethum graveolens, aneto

s
Angelica archangelica, angelica
o
A. gigas, angelica rossa o
Anthriscus cerefolium, cerfoglio c, o
Carum carvi, cumino c, s/o
Coriandrum sativum, coriandolo c, s
Ocimum basilicum, basilico c, s
Petroselinum crispum, prezzemolo s
Satureja hortensis, santoreggia s
Arbustive, semi arbustive e arboree:
erba limoncina, cedrina s

Helycrisum italicum, pianta del curry

s
Hyssopus officinalis, issopo s
Lavandula officinalis, lavanda s
L. angustifolia, lavanda s
L. vera, lavanda s
L. stoechas, lavanda francese s
Laurus nobilis, alloro c, s/o
Rosmarinus officinalis, rosmarino s
Salvia officinalis, salvia s
Santolina chamaecyparissus, santolina s
S. viridis, santolina verde s
Thymus vulgaris, timo s
T. x citriodorus ibridi, timo s
Perenni:
Matricaria chamomilla, camomilla c, s
Artemisia dracunculus, dragoncello s
Foeniculum vulgare, finocchio selvatico s
F. v. ‘Purpureum’, finocchio selvatico rosso s
Origanum vulgare, origano c, s
O. vulgare ‘Aureum’, origano giallo s
O. majorana, maggiorana c, s
Melissa officinalis, melissa s
Mentha spicata, menta c, o
M. x piperita, menta classica c, o
M. suaveolens, menta-mela c, o

M. x piperita citrata, menta-bergamotto

c, o
M. x gentilis ‘Variegata’, menta zenzero c, o
M. rotundifolia ‘Variegata’, menta-ananas c, o

 

 

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA