Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
progettazione giardini
Gi
Un balcone nel verde
Inviato da Redazione GI il 03-02-2010 16:37
Apertura_balcone

Un piccolo balcone molto esposto a pochi chilometri da Torino si affaccia sulle Alpi. La suggestiva vista dona a questo spazio un fascino particolare, ma la presenza della ferrovia la disturba con il rumore. La proprietaria vuole dunque proteggerlo dai suoni fastidiosi e dal vento, per farlo diventare un rifugio da cui osservare le tanto amate montagne.

L’area occupa 10 metri quadrati connessi all’appartamento dalle due grandi porte finestre della camera da letto. Tanto verde è la parola d’ordine, attraverso il quale intravedere il bel panorama.

La struttura lineare impone l’utilizzo di vasi e vasche create appositamente che, poste sul perimetro, permettano il passaggio. Al loro interno, insieme alla terra, vengono ospitate piante semplici ma di dimensioni notevoli con ricche fronde sempreverdi o caratterizzate da particolari colorazioni dei rami e fioriture. Un grande Salix matsudana ‘Tortuosa’ dal veloce accrescimento e dalle scarse esigenze, permette di donare rapidamente struttura allo spazio, con le sue fronde dal colore alterno e i rami belli anche quando d’inverno si spogliano. Lungo la ringhiera di metallo vengono posizionate canne di bamboo di diversi diametri e altezze, destinate ad arredare lo spazio e fungere da supporti per la profumatissima e rustica Lonicera. Altri arbusti quali Viburnum tinus, Lavandula angustifolia, Rosa iceberg e Hydrangea macrophylla creano giochi di colore, grazie al bianco e il viola.

Per scaldare l’atmosfera, la pavimentazione del terrazzo viene ricoperta con mattonelle di legno trattato con oli naturali, lo stesso legno che, in prossimità delle vasche, funge da rivestimento. Un sistema di cerniere metalliche, rende mobili queste mattonelle creando così diverse soluzioni modulari (per mascherare i vasi e stoccare attrezzi per la manutenzione, per permettere il passaggio e l’ispezione dell’ impianto d’irrigazione). Dietro questo semplice sistema viene posato l’impianto di illuminazione che illumina dal basso mettendo in risalto le fronde degli arbusti.

Una piccola sdraio comoda anche per leggere e nient’altro per arredare questo piccolo spazio, luogo solitario di riflessione da cui osservare le Alpi Graie.

Progetto di Niccolò Scacchi, Architetto Paesaggista

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA