Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
piante da giardino
Gi
Calceolaria: coltivazione e varietà
Inviato da Redazione GI il 01-07-2011 13:44
Pic_119

Al genere Calceolaria appartengono oltre 400 specie di piante perenni, sempreverdi, originarie dell’America settentrionale e centrale. Producono piccoli cespugli tondeggianti, alti 30-40 cm, con foglie di colore verde scuro. I fiori, dalla particolare forma a sacchetto, hanno i colori del sole: giallo, arancio o rosso, con punteggiature o variegature in colore contrastante. Esistono specie rustiche o semi-rustiche, suffruticose (cioè semi-legnose), che sono adatte alla coltivazione in piena terra in giardino, nei climi più miti; le specie più delicate ed erbacee vivono solo in appartamento; le specie nane possono trascorrere la bella stagione nel giardino roccioso; le specie più alte decorano, in primavera-estate, le aiuole.

Come coltivarla
Posizione: anche in piena terra in giardino, ben esposta alla luce, a mezz’ombra o sotto i raggi diretti del sole. All’aperto in estate, in appartamento nelle altre stagioni. Il terriccio deve essere soffice e sciolto, ricco di sostanza organica e ben drenato.
Temperatura: resiste fino a 10 °C. In estate tollera fino a 30 °C.
Acqua: dalla primavera all’autunno con regolarità, appena il terriccio si è asciugato in superficie. In inverno ogni 10-15 giorni, con una quantità moderata d’acqua.
Concimazione: da aprile a ottobre, ogni 15 giorni, nell’acqua d’annaffiatura con un prodotto liquido per piante da fiore.

Pro e contro
Curiosa: la forma a “pantofolina” dei fiori la rende unica e le corolle maculate fanno assomigliere i fiori alla bocca di un leopardo.
Facile da coltivare: richiede veramente pochissime cure, ma è indispensabile bagnarla stando attenti che non arrivi mai ad appassire. A differenza di molte altre piante, gradisce l’esposizione ai raggi diretti del sole, che non causano bruciature.
“Usa e getta”: anche se si tratta di una pianta perenne, difficilmente supera l’inverno in appartamento e comunque di rado riesce a rifiorire la primavera successiva. È meglio acquistarla in marzo-aprile e godere della sua lunga, ininterrotta fioritura (fino a settembre-ottobre) durante la bella stagione.

Tante specie per diversi usi
Per il giardino roccioso si utilizzano le specie nane, come Calceolaria acutifolia, tappezzante, dai fiori gialli maculati di rosso; C. arachnoidea, con fiori viola chiaro riuniti in pannocchie e foglie dalla consistenza cotonosa; C. biflora, alta fino a 30 cm, con foglie verde pallido e fiori gialli in luglio-agosto; C. darwinii, perenne, dai fiori gialli con macchie brune e banda trasversale bianca; C. x ‘John Innes’, rustica, con fiori giallo brillante; C. polyrrhiza, strisciante, perenne, con fiori gialli; C. tenella, strisciante, dai fiori giallo vivo da maggio a settembre. Per aiuole e vasi, queste sono le specie adatte: C. gracilis, alta fino a 40 cm, annuale, con foglie pelose e appiccicose, fiori giallo limone; C. integrifolia (o C. rugosa), alta fino a 1 m, perenne, suffruticosa, con fiori gialli da luglio a settembre; mexicana, annuale, con piccoli fiori giallo pallido in spighe.

(tratto da Giardinaggio n.7-8, 2007)

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA