Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
calendario lunare
Gi
Calendario lunare di giugno: la luna nell'orto e nel giardino...
Inviato da Redazione GI il 23-05-2011 17:23
Lavanda

Il cielo del mese
La luna nuova è nella notte del primo giorno del mese; il plenilunio si verifica nella notte del 15 giugno.
Una serie di antichissime leggende affidano ai giorni del solstizio, il 21 giugno, un valore importante per la campagna, la fertilità femminile e la salute. Quest'anno il solstizio (il momento in cui il sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l'eclittica, il punto di declinazione massima, nel nostro emisfero) avviene esattamente alle ore 17.16.
II fenomeno ritarda di circa sei ore ogni anno (5 ore, 48 minuti e 46 secondi per la precisione), salvo subire un nuovo riposizionamento indietro ogni quattro anni, in conseguenza degli anni bisestili, introdotti proprio per evitare un progressivo disallineamento delle stagioni con il calendario. Ecco perché in certi anni il solstizio astronomico cade il giorno 20 invece che il tradizionale 21 giugno.

La pianta di giugno
La lavanda è la pianta che meglio rappresenta giugno con la sua fragranza che si esprime al meglio proprio grazie al caldo tipico delle zone mediterranee. Tollera il calore intenso e la salsedine. Preferisce un terreno fertile e ben drenato, ma si adatta bene a quasi tutti i tipi di substrato, anche povero e sassoso. Desidera annaffiature medio-scarse e solo in primavera- estate se non piove per un lungo periodo. In vaso si deve annaffiare sempre dopo che il terriccio si è asciugato. Si esegue una potatura subito dopo la fioritura, in luna crescente, per restituire la forma desiderata alla pianta.

Il diario della luna
In giardino: spuntate in luna calante le siepi di ligustro, lauroceraso e tutte le altre siepi i cui rami sono cresciuti in modo disordinato, accorciando i rami di circa un terzo. Riservate attenzioni al prato: dal momento che l’erba bassa è più sensibile alla siccità, allungate l’intervallo tra i tagli e alzate l’altezza di taglio, da fare in luna calante e luna nuova. Tagliate l’erba nel tardo pomeriggio, quando è asciutta ma non più esposta ai raggi potenti del sole.

Nell’orto e nel frutteto
in luna crescente seminate bietole da coste, cavolo cinese, fagioli di tutti i tipi, zucchine, ravanelli e valerianella; trapiantate indivia, lattuga, radicchio precoce e sedano. Sempre in luna crescente raccogliete le erbe aromatiche per essiccarle. Quelle fresche raggiungono, secondo tradizione, l'apice del loro profumo e delle loro virtù nella notte delle streghe, il 24 giugno, giorno in cui si raccolgono le noci per il liquore nocino.

In casa e in balcone

In luna calante la costante rimozione di foglie e fiori secchi in terrazzo è indispensabile per scongiurare i rischi di propagazione delle malattie crittogamiche, favorite dal clima caldo e afoso.

(la foto in apertura è una delle foto partecipanti al concorso 2010 di Giardinaggio, l'autore è "kottabos")

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA