Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
curare il giardino
Gi
Rosacee: non solo piante da frutto ma anche piante ornamentali di grande bellezza
Inviato da Redazione GI il 12-04-2011 18:28
Schermata_2011-04-12_a_16.17.37

Oltre allo spettacolo primaverile essi offrono anche una rinascita autunnale, con la chioma colorata prima di perdere il fogliame, e la presenza di piccoli frutti (simili a bacche) in genere non commestibili perché troppo aspri e duri, ma talvolta utilizzabili in marmellate (dopo cottura assumono un sapore piacevole).

Tra le varietà da fiore vale la pena di ricordare il pruno ‘Accolade’, con fiori leggermente profumati color rosa pallido; Prunus mume, una specie botanica di origine giapponese che ha dato origine a diverse varietà spettacolari con fiori in densi mazzetti e, in qualche caso, anche delicatamente profumati; Prunus padus e le sue varietà, come “Watereri” dai lunghi rametti coperti da fiori disposti a spiga, candidi e dalle corolle larghe; Malus x lemonei, un melo da fiore di origine ibrida con petali color porpora, profumati e abbondantissimi e graziosi frutti che ben si prestano a essere utilizzati in conserve; Pyrus salicifolia ’Pendula’, varietà dal fogliame argenteo che in primavera si copre di infiorescenze a ombrello.

Per una scelta sicura è meglio optare per le varietà più classiche e facili da reperire presso un buon vivaista. Alcune varietà rare, infatti, pur essendo spettacolari sono talvolta difficili in quanto richiedono terreno tendenzialmente acido, rifiutano i luoghi troppo caldi e assolati e temono le gelate tardive, tutte caratteristiche invece presenti, ad esempio, in gran parte della Pianura Padana. La scelta di una varietà bella ma esigente potrebbe dare esiti deludenti.

Nelle zone dove il rischio di brinate in aprile ad esempio è concreto, meglio evitare tutti i tipi di Prunus a fioritura precoce: è facile perdere le gemme da fiore e quindi il piacere dello spettacolo primaverile.
I meli da fiore invece sono una scelta da suggerire perché sono piante in genere facili, resistono bene alle malattie e danno grandi soddisfazioni in poco spazio. Se utilizzate Prunus di varietà diverse a fioritura scalare, a partire da P. subhirtella “Autumnalis”, si hanno fiori dall’inverno a maggio.

Alcune varietà hanno un bel fogliame autunnale, altre in inverno presentano cortecce molto belle con screpolature, disegni ad anello, variegature e colori vivaci (giallo, rosso, vinato, grigio più o meno lucente) della corteccia. Dettagli che, quando il giardino è privo di altri elementi ornamentali, assumono un pregio considerevole.

 

Malattie Rosacee: Il colpo di fuoco batterico

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA