Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
curare il giardino
Gi
Palme da giardino e da terrazzo: coltiviamole al nord come al sud!
Inviato da Redazione GI il 12-04-2011 17:56
Schermata_2011-04-12_a_15.44.56

1 Quali sono le specie più adatte al Nord Italia?
Le palme che si adattano al clima del Nord Italia, dove la temperatura minima può scendere anche al di sotto dei –10 °C, non sono poche. Io consiglio la Brahea, la Butia, la Chamaerops cerifera e la C. humilis, la Cordyline indivisa, la Jubaea chilensis, la Nannorrhops ritchiana, la Phoenix canariensis, le diverse Sabal, la Trachycarpus fortunei, la Thritrinax campestris e la Washingtonia filifera. Tutte queste palme possono essere coltivate in vaso o in piena terra. Però, quando l’inverno diventa particolarmente rigido, consiglio di raggruppare le foglie verso l'alto, senza stringerle troppo, e di incappucciarle con il tessuto non tessuto, fissandolo con un legaccio senza stringere. Con questa tecnica potete garantire al fogliame della palma l’aera- zione e la luce necessarie, oltre a un certo grado di protezione. Quando la temperatura ritorna intorno allo zero, è meglio togliere subito il cappuccio.


2 Quali sono le specie più adatte al Sud Italia?
Le specie di palme adatte alle zone dove il clima è mite e la temperatura minima notturna non è generalmente più bassa dello zero sono tutte quelle già elencate per il Nord Italia e altre specie che resistono solo in un clima mite. Io consiglio l’Arecastrum, l’Archontophoenix, la Caryota, la Dypsis, le varie specie di Livingstonia, la Phoenix reclinata e la P. roebelenii, la Washingtonia robusta. Non preoccupatevi se la temperatura dovesse scendere di qualche grado sotto lo zero: tutte queste specie sono capaci di resistere fino a –5 °C.


3 La Chamaerops è l’unica palma italiana ed è molto diffusa in natura nel Sud, ma è reperibile anche nei vivai?
Sì, la Chamaerops humilis è facilmente reperibile, anche sotto forma di esemplari di grandi dimensioni, presso i garden center e i vivai specializzati. Questa pianta può essere coltivata anche nel Nord Italia in piena terra o in vaso, perché sopporta bene fino a –10 °C. Vi segnalo anche una novità assoluta: la rara Chamaerops cerifera. È una palma molto più piccola della C. humilis e ha un fogliame di colore glauco. È molto più resistente al freddo e, grazie alle sue piccole dimensioni, si adatta facilmente alla coltivazione in vasi di media dimensione. Anche C. cerifera è reperibile nei garden center e nei vivai specializzati meglio riforniti.

4 In generale, quali sono le regole per coltivare le palme in piena terra?
La piantagione delle palme può avvenire in qualsiasi momento dell’anno se si acquistano piante in vaso; le piante in zolla (cioè con il pane di terra ma senza il vaso) devono invece essere messe a dimora in estate. Le dimensioni della buca d’impianto devono essere un po’ più grandi rispetto alle dimensioni del vaso o della zolla. Sul fondo non è necessario disporre il drenaggio. Scegliete un’esposizione soleggiata per la maggior parte delle specie; solo alcune palme prediligono zone ombreggiate, perché fanno parte del sottobosco delle foreste tropicali pluviali: è il caso della kenzia (Howea forsteriana), della Zamia furfuracea, della Chamaedorea e di altre specie. Dopo l’impianto, nel primo anno bisogna irrigare e concimare in abbondanza nel periodo primaverile ed estivo.

5 Quali sono le specie che si possono coltivare in vaso?
Tutte le palme di piccola taglia possono essere coltivate in contenitore. Bisogna scegliere un vaso grande, riempito con terriccio universale leggero e di buona qualità. Le maggiori attenzioni per una palma in vaso riguardano le annaffiature, che devono essere regolari. Anche la concimazione è importante per le piante allevate in contenitore: conviene concimare con regolarità, nel periodo che va da marzo a ottobre, con un prodotto ternario (cioè con azoto, N, fosforo, P, e potassio, K, in parti uguali), arricchito con microelementi. Le palme in vaso non necessitano di un’esposizione particolare, con l’eccezione delle specie che prediligono la penombra. Fate sempre attenzione alla sensibilità al freddo di ciascuna specie: eventualmente proteggete la pianta con il tessuto non tessuto.

Per avere informazioni sulla potatura delle palme rimandiamo a : "La potatura delle palme: cose da evitare"


CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA