Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
gli ortaggi
Gi
Lattuga, il verde che fa bene
Inviato da Redazione GI il 27-01-2010 03:33
Lettuce apertura

Difficile immaginare un menu senza lattuga: come contorno o anche solo come elemento decorativo e insaporitore, è onnipresente... Nota da tempi lontanissimi, ancora oggi gli studiosi non hanno individuato l'area di origine di questa specie, che già in epoche remote si è diffusa in tutta Europa, grazie anche al lavoro delle Legioni romane che avanzando su nuovi territori piantavano lattughe per avere a disposizione delle truppe un ortaggio fresco e subito pronto. La sua facilità di coltivazione e la rapidità del suo ciclo di crescita hanno consentito di ottenere nei secoli un’enorme quantità di varietà, diverse per forma e colore.

Tutte le varietà

Oggi la coltivazione industriale è circoscritta a una ventina di varietà, ma nell'orto di casa è divertente sperimentare le più insolite lattughe a cespo o da taglio, alcune delle quali sono facilmente coltivabili sotto serra in autunno e in primavera, con la sola esclusione dei momenti davvero freddi nel cuore dell'inverno. La lattuga più diffusa negli orti italiani è quella a cappuccio, nelle celebri varietà Batavia, Trocadero, Regina di Maggio, Great Lakes e Iceberg, dal fogliame molto croccante e dal sapore pungente. Ma altrettanto diffuse sono le lattughe romane, ideali per i climi caldi perché non montano rapidamente a seme e rimangono quindi più durevoli nell'orto anche quando avanza la stagione calda, e le lattughine da taglio, fra cui la regina è la celebre Lollo.

La lattuga nell'orto, in terrazzo e in giardino

Per coltivare la lattughina da taglio è sufficiente una cassetta al sole, mentre le lattughe a cespo verdi o purpruree, apprezzabili anche per il loro ruolo ornamentale, hanno bisogno di spazio ed è quindi preferibile l'orto o una bordura in giardino: qui si faranno notare i bei cespi verdi screziati di rosso di 'Redcross' o quelli verde tenero della classica 'Trocadero'. Se poi scegliete di coltivare la facile Lollo, provate a piantare in righe sfalsate dei cespi di varietà verde e rossa: l'effetto è splendido e il raccolto, saporito e fresco, rallegra la tavola togliendo tristezza e banalità a qualsiasi dieta dimagrante!

Cinque lattughe da provare

Althea: una lattuga Iceberg coltivabile dalla primavera all'autunno, con foglie incappucciate strette come quelle di un cavolo, molto ben conservabile e resistente alla malattia fungina Bremia.

Lattuga estiva di Kagran: ideale per il raccolto estivo perché è lenta a montare

Lattuga brasiliana: ottima varietà dal sapore intenso per raccolti estivi e invernali (resiste bene ai primi freddi anche senza copertura).

Lattuga Biscia Rossa: da taglio, con foglie tenere e croccanti, che tagliate alla base si rigenerano per varie volte; ideale anche in cassetta sul balcone.

Lattuga Red Salad Bowl: da taglio, bellissimo colore rosso intenso e ottimo sapore, ideale per il caldo (non monta a seme).

 

Ecco il nostro video tutorial sulla coltivazione dell'insalata:

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA