Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
Merisi
Piante rampicanti: Clematis armandii e Vinca Minor, il connubio ideale
Inviato da Marianna Merisi il 25-03-2011 15:21
Pic_119

Tra le piante rampicanti, Clematis armandii è una delle più affidabili e più precoci a fiorire.

A chi è abituato a immaginare il genere delle Clematidi come esili piante in inverno spoglie e marroncine quasi da sembrare completamente secche, parrà incredibile conoscere la Clematis armandii! Prima di tutto è una delle poche del genere a essere sempreverde, ad avere un fiore bianco dal profumo mandorlato ed una foglia carnosa molto allungata. Mi piace molto perché può dare davvero grandi soddisfazioni e già adesso, in un momento in cui la natura si sta lentamente risvegliando, è piena di nuovi getti che sembrano esplodere.

Come tutte le Clematidi ha bisogno di un terreno ricco di humus e di una posizione in mezz'ombra o soleggiata, purché il suo piede non venga colpito dai raggi diretti del sole. Per ovviare a questo problema può essere utile piantare alla sua base una pianta di dimensioni ridotte, capace di coprire il colletto, ma che non le rubi troppo nutrimento. Per questo scopo, in un giardino in campagna, ho usato una Vinca minor, che mi sembra funzionare perfettamente.

Per assicurarsi che produca una grande massa di fogliame è utile effettuare una buona potatura dopo la fioritura, diradando e ripulendo il più possibile.

Si adatta alle situazioni più disparate: l'ho vista, a Milano, ricoprire un intero terrazzino quadrato di circa due metri per lato, in un grande vaso dal diametro di circa 60 centimetri; decorare un muro in mattoni esposto a ovest e ben riparato, con cavetti in acciaio che facevano da guida; colonizzare un grande vaso in terra cotta e ricoprirlo come fosse una cesta; arrampicarsi su una struttura di legno nel mezzo di un giardino ombroso.

Credo valga la pena provare a coltivarla, in vaso o in piena terra!

Marianna Merisi

Tag:
CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA