Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
coltivare l'orto
Gi
Coltivazione pomodori: lavorazione, irrigazione e principali nemici
Inviato da Redazione GI il 18-03-2011 17:29
Schermata_2011-03-18_a_15.28.32

Lavorazione
(per informazioni aggiuntive rimandiamo a I pomodori nell'orto)

Almeno un mese prima del trapianto bisogna lavorare, fino a una profondità di 25-30 cm. Durante la lavorazione, incorporate 30-40 kg di letame maturo ogni 10 mq. Nel Nord Italia il trapianto si effettua in aprile-maggio, quando è scongiurato il rischio di gelate: la temperatura notturna non deve scendere sotto gli 8 °C. Le file devono distare 90-120 cm fra loro e ogni pianta disterà 35-40 cm dalla successiva. Dopo il trapianto, concimate con 200 g di concime azotato ogni 10 mq.

Irrigazione

Nell’orto è consigliabile un sistema d’irrigazione con tubo poroso o microirrigatori laterali: l’importante è che la base delle piante non riceva troppa acqua e che il fogliame non venga bagnato, altrimenti si ammala e si deteriora.


I nemici del pomodoro

I nemici delle piante di pomodoro sono soprattutto due: gli afidi e la peronospora. Gli afidi infestano gli apici delle piante e i germogli, trasmettendo malattie virali che possono deformare anche i frutti. Potete combatterli con prodotti a base di piretro. La peronospora è una malattia fungina che produce macchie giallastre e poi sempre più scure sulle foglie e sui frutti. Il fungo viene favorito da temperature comprese fra 15 e 25 °C, accompagnate da frequenti piogge e dal successivo ritorno del sole. Quando si verificano queste condizioni climatiche, è meglio trattare preventivamente le piante con la classica poltiglia bordolese, da irrorare bene su tutta la chioma e sotto le foglie.

Per saperne di più su dove è meglio coltivarli e come si effettua la semina rimandiamo a Coltivazione pomodori: dove e come seminarli

 

Ecco i nostri video tutorial su coltivazione e cura dei pomodori:

 

E il video su come coltivare i pomodori in vaso:

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA