Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
piante da giardino
People
Glicine: il rampicante nobile
Inviato da Nicola il 24-05-2018 15:32
Glicine_copertina_a760c5f9

È proprio vero, maggio è il mese dei colori e dei profumi inebrianti dei fiori che riempiono di fascino i giardini italiani: da qui il detto “Aprile fa il fiore e Maggio gli dà il colore“.


Il Glicine è un caratteristico rampicante appartenente al genere Wisteria, venuto da oriente a decorare case e giardini. Il suo profumo è inconfondibile e pieno di dolcezza, da cui deriva anche il suo nome,  glikìs, ossia “dolce” in greco. Il Glicine ha fatto la sua comparsa in Europa durante l’ottocento, e ancora se ne trovano esemplari vetusti, abbarbicati sulle pareti di ville d’epoca, a cui donano un fascino del tutto particolare.


Nell’antica Cina, l’attitudine del glicine a saldarsi strettamente con il suo supporto veniva considerata un simbolo di amicizia che niente e nessuno poteva spezzare. Ancora oggi nel linguaggio internazionale dei fiori, il glicine è considerato ambasciatore di affinità elettive e di amicizia.
Sono numerosi i glicini plurisecolari presenti sul nostro territorio. A Santa Margherita Ligure, nel giardino della Cervara, il pergolato è coperto da un immenso, vecchissimo glicine. Glicini di impressionante bellezza ed età sono visibili a Villa Carlotta, sul lago di Como, e in quasi tutti i parchi e giardini della zona prealpina, perché in passato non c’era villa senza glicine. Esistono molti modi per fare crescere il glicine, versatile e con una spiccata attitudine a sopportare le potature, ma come si fa a farlo crescere più velocemente?


Per ottenere la rapida copertura di un muro, si possono usare dei cavi d’acciaio fissati in orizzontale o in verticale, distanziandoli circa 30 cm: serviranno come base per la legatura dei getti. Wisteria sinensis è la specie più idonea per la copertura delle superfici verticali come muri e ringhiere, in quanto la vegetazione è folta e i grappoli di fiori sono corti e compatti. Wisteria floribunda e le altre specie o varietà con grappoli di fiori lunghi sono invece suggerite per archi e pergole: l’effetto “festone” risulta spettacolare, in quanto le infiorescenze pendono oscillando alla brezza, non ostacolate dal fogliame.

Tag: fiori | Rampicanti | oriente |
CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA