Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
il fiore
People
Il crisantemo: il piacere di coltivarlo
Inviato da Alessandra il 12-01-2018 14:25
Depositphotos_84929832_original_a2831b19

Di norma il trapianto avviene a primavera inoltrata, quando ogni pericolo di gelata tardiva sia scongiurato. Le talee radicate (o gli esemplari acquistati nei garden) vanno piantati a una distanza di 60 cm l’uno dall’altro, in terreno di medio impasto, sciolto e ben drenato. La posizione prediletta è alla luce non diretta, in ambiente umido e con temperature che non scendano al di sotto dei 4°C. Un’operazione fondamentale per ottenere fioriture particolarmente appariscenti è quella di “messa in riserva” dei bottoni fiorali: si provvede ad eliminare i getti che attorniano il bocciolo corona che sormonta lo stelo per permettere alla pianta di riservare il nutrimento alla crescita di un solo fiore apicale piuttosto che molti, ma più piccoli e semplici. I boccioli laterali possono essere eliminati a più riprese, ma è importante non intervenire prima della fine di Luglio/metà Agosto. In vaso la tecnica colturale risulta leggermente più complessa, se non si dispone del substrato adatto. Scegliamo dunque un misto di terriccio di prato con un quinto di letame molto maturo e un quinto di terreno da orto di impasto medio. Il Crisantemo avrà bisogno di almeno tre trapianti successivi in contenitori di diametro crescente. Un consiglio direttamente dai coltivatori esperti: la qualità delle fioriture migliora notevolmente se preserviamo il fiore nella fase di sviluppo e crescita coprendolo con un sacchetto di carta solforata, di dimensioni intorno ai 15x21 cm. Proteggeremo così le corolle da agenti atmosferici nocivi e attacchi di insetti comuni. Come citato in precedenza, il Crisantemo ama l’umidità: sarà buona abitudine annaffiare la pianta regolarmente in modo da mantenere il terreno umido e fresco. Attenzione però ai ristagni d’acqua, che il “fiore d’oro” soffre in modo particolare. Concimiamo le nostre piante ogni tre settimane, solo dopo la comparsa dei boccioli. Potremmo anche decidere di modificare il periodo di fioritura: basterà agire sul numero delle ore di luce prolungandole per ritardare la comparsa dei boccioli o riducendole per anticiparla. 

Tag: crisantemo |
CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA