Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
news
Gi
Le proposte dell'Associazione Florovivaisti Pesciatini per far ripartire il comparto olio
Inviato da Redazione GI il 23-11-2016 11:55
Ulivi_web_bb006519

Alla tavola rotonda dello scorso sabato 19 novembre, tenutasi a Firenze in occasione della Giornata nazionale degli Alberi e che aveva come tema l'olio e la sua valorizzazione, hanno preso parte anche i soci produttori dell'Associazione Florovivaisti Pesciatini con le loro piante di olivo in allestimento. Dalle riflessioni dei vari esponenti della filiera sono emerse le criticità che oggi il comparto olio deve affrontare: l'Associazione Florovivaisti Pesciatini risponde a queste con la sua rete d'impresa innovativa e di ricerca.

“Un giorno dedicato all'olivo, all'olio e al suo territorio. Dalla Toscana, la valorizzazione nazionale dei prodotti” questo il titolo scelto per le riflessioni che si sono sviluppate lo scorso sabato 19 novembre al Palagio dei Capitani di parte Guelfa, in Piazza della Parte Guelfa a Firenze. Alla giornata hanno deciso di partecipare anche i soci produttori dell'Associazione Florovivaisti Pesciatini con le loro piante di olivo, che hanno allestito non solo la sala della tavola rotonda, ma anche l'ingresso del Palagio. Piante che, oltre a rappresentare una risorsa importante per l'olio che producono, sono state apprezzate da tutti i partecipanti per la loro bellezza: le varietà presenti erano Cipressino, Frantoio, Leccino, Pendolino e Moraiolo, con caratteristiche diverse quali spalliere, alberello e tipo bonzai. Ogni varietà era corredata da un cartellino esplicativo delle varietà botaniche della pianta e del frutto prodotto.

L'olio è una delle grandi eccellenze italiane, oltre che toscane, ma è anche un settore pieno di criticità: si è allora parlato con Luca Sani, presidente Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, del Piano Olivicolo Nazionale, che intende sviluppare il settore puntando su due aspetti principali: aumento della produzione nazionale e crescita delle reti d'impresa. 

L'Associazione Florovivaisti Pesciatini risponde ad entrambe le esigenze del Piano Olivicolo Nazionale in quanto rete d'impresa di 30 soci produttori, pari a 80 ettari e 200 addetti, che sta lavorando allo sviluppo di una varietà che si adatti al meglio ai nuovi modelli di meccanizzazione, ma che mantenga intatte le qualità salutari italiane dell'extravergine. «Dopo aver lavorato per la certificazione “Xylella free” le piante dell'Associazione Florovivaisti Pesciatini puntano adesso verso una nuova varietà intensiva, sostenuta dalla ricerca (l'Associazione collabora infatti con numerosi enti universitari e privati) e dall'innovazione» così Luca Cinelli, presidente dell'Associazione, accompagnato da Elena Sonnoli, responsabile del settore olivi, ha spiegato il lavoro dei Florovivaisti Pesciatini al presidente Sani.

Giovanni Bettarini, assessore alle attività produttive del Comune di Firenze, ha ribadito che si sta parlando di un «patrimonio superlativo con cultivar articolate e storiche, ognuna delle quali risponde a un territorio, a un'idea». Si parte dunque da qui, cercando di capire come un Comune possa dare il suo contributo affinché questo patrimonio sia valorizzato, non solo dal lato promozionale. Firenze, ad esempio, è stato il primo Comune ad introdurre un regolamento per ristoranti e alimentari del centro storico, patrimonio Unesco, che disciplini la scelta di prodotti di qualità.

Leonardo Torrini, fiduciario della Condotta Slow Food Firenze, ha ricordato come all'olio dovrebbe spettare la stessa “fama” che oggi possiede il vino, passaggio che non è ancora avvenuto a causa dell'ignoranza legata a questo prodotto. «Come ci informiamo quando acquistiamo uno smartphone, altrettanto dovremmo fare con l'olio». L'impegno di Slow Food va allora proprio in questa direzione: informare ed educare i consumatori. Ma non solo Slow Food, anche da parte dei periti agrari c'è una forte sensibilità verso l'olivicoltura, come ha ribadito Filippo Ninci, del Consiglio Nazionale dei Periti Agrari, che sta attuando una formazione itinerante e nazionale ad hoc per tutti i tecnici sul tema olivo ed olio.

Si sono ricordate anche le grandi virtù dell'olio, ovvero le sue proprietà salutistiche rappresentate dalla dieta mediterranea, l'unica riconosciuta dall'Unesco e sostenuta da una vera e propria ricerca scientifica. «30 g di olio extravergine al giorno fanno bene alla salute, per i giovani si può arrivare anche a 60 g al giorno». Queste proprietà salutari sono oggi sancite da studi scientifici importanti» ha ricordato Giacomo Trallori, medico gastroenterologo. 

 

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE